Mirto Tarantino - Myrtus C. Tarentina


Mirto Tarantino - Myrtus C. Tarentina

Disponibile

3,00
Prezzo comprensivo di IVA, escluso spedizione


Il Mirto tarantino è una specie spontanea tipica della zona di Taranto, ha portamento arbustivo compatto con crescita molto lenta, l'altezza massima si aggira tra i 100 e i 150 cm. La corteccia si presenta rossiccia sui rami giovani, col tempo assume un colore grigiastro. Ha foglie opposte, persistenti, ovali-acute, coriacee, di colore verde-scuro  e lucide. I fiori sono solitari,  di colore bianco crema e e sbocciano da Giugno a Settembre. I frutti sono bacche globoso-ovoidali di colore nero-violaceo, maturano da novembre a gennaio persistendo per un lungo periodo sulla pianta. 

 Coltivazione 

Il mirto è una pianta rustica, si adatta abbastanza ai terreni poveri e siccitosi. Preferisce suoli leggermente acidi o neutri mentre soffre leggermente i terreni a matrice calcarea. Il clima ideale al suo sviluppo è temperato o caldo, non vanno bene, invece, le temperature rigide. Il mirto non è una pianta esigente in fatto di esposizione: può sopportare sia un'esposizione in pieno cole che quella a mezz’ombra. Si procede alla potatura in marzo, per contenere la crescita cespugliosa e disordinata e per favorire la nascita di nuovi getti. 

Usi e proprietà 

Per il suo contenuto in olio essenziale (mirtolo) il Mirto tarantino è un'interessante pianta dalle proprietà aromatiche. In campo erboristico trova impiego come rimedio per le affezioni a carico dell'apparato digerente e del sistema respiratorio, gli sono attribuite proprietà balsamiche, antinfiammatorie, e astringenti. Il prodotto più importante è rappresentato dalle bacche, utilizzate per la preparazione del liquore di mirto, ottenuto per infusione alcolica delle bacche attraverso macerazione o corrente di vapore. Un liquore di minore diffusione è il Mirto Bianco, ottenuto per infusione idroalcolica dei giovani germogli.

 

Cerca anche queste categorie: Piante Aromatiche, Home page